Kim Yong un minaccia alleati USA: anche l’Italia è nel mirino di Pyongyang?

Non si arresta l’escalation di minacce del dittatore nordcoreano Kim Jong-un agli Stati Uniti d’America e ai suoi alleati.

Il ministro degli Esteri della Corea del Nord, Ri Yong-Ho, in un’intervista all’agenzia di stampa russa TASS, ha affermato: “Trump – che all’assemblea generale delle Nazioni Unite, in un discorso, aveva già paventato lo scoppio di un conflitto armato – ha minacciato per primo la guerra, quindi il suo Paese sarà ripagato con una grandine di fuoco“.

Dall’America il segretario della difesa Jim Mattis, ribadisce: “stiamo cercando una soluzione pacifica per risolvere la crisi – anche se la retorica del presidente Donald Trump sta aggravando lo standoff nuclerae di Pyongyang -, ma siamo pronti a usare la forza nel caso in cui arrivi l’ordine dallo Studio Ovale“.

Intanto, nell’intervista, Yong-Ho ha riferito altresì che il programma nucleare nordcoreano è stato pressoché completato e che l’intento della Corea del Nord non sarà certamente la negoziazione, minacciando tutti gli stati satelliti degli USA.

E giacché l’Italia e gli USA sono alleati NATO e cooperano nell’ONU, le minacce di Pyongyang potrebbero riguardarci anche da vicino.

Per il momento il nostro Paese tace sulla “war of words” di Trump e Jong-un, forse perché la politica italiana non gioca alcun ruolo di mediazione, né di commento.

MDM

Notizie Correlate

Commenta