Malta, esplode la sua auto: assassinata la reporter Galizia

L’hanno fatta saltare in aria servendosi di un ordigno installato all’interno della sua auto. E’ stata assassinata a Bidnija, nell’isola di Malta, la blogger Daphne Caruana Galizia, che solo quindici giorni fa si era rivolta alle forze dell’ordine per denunciare alcune minacce di morte che le erano pervenute.

Lo scoppio è avvenuto quest’oggi intorno alle ore 15. Nella Peugeot 208 della giornalista era stata nascosta una bomba. La deflagrazione si è verificata a poca distanza dall’abitazione della blogger.

Galizia era salita agli onori delle cronache per aver condotto l’inchiesta internazionale “MaltaFiles”, dove l’isola veniva indicata come “lo Stato nel Mediterraneo che fa da base pirata per l’evasione fiscale nell’Unione europea”. Addirittura la rivista “Politico.eu” l’aveva inserita nelle 28 personalità “che stanno agitando l’Europa”.

La blogger stava indagando su alcuni scandali di corruzione che coinvolgerebbero anche la moglie del primo ministro maltese, Joseph Muscat. E’ proprio il premier uno dei primi ad esprimere tutto il suo sconforto per l’accaduto: “Si è trattato di un barbaro attacco – ha detto Muscat – Tutti sanno che Caruana Galizia mi ha criticato fortemente sia a livello politico che personale. Ma nessuna rivalità – ha concluso il premier maltese – giustifica una morte del genere”.

L’ultimo post sul suo blog è stato pubblicato qualche minuto prima della morte.