Vende al mercato tazze col logo dei templari, sono ‘offensive’ per il musulmani: denunciata

Assurda vicenda a Loughborough, a Londra: una donna di 56 anni, Tina Gayle, si è vista impossibilitata a vendere ulteriormente le tazze da caffè con i simboli dei templari in quanto i musulmani le consideravano ‘offensive’. La donna nella sua attività del mercato vendeva, fra le altre cose, anche delle tazze con la croce simbolo dei templari: prima vendeva solamene libri rari, poi per incrementare la merce ha deciso di vendere anche queste particolari tazze che si rifanno all’ordine dei Cavalieri Templari, con il loro simbolo. Ma evidentemente qualcuno si è sentito ‘offeso’ ed ha denunciato la cosa.

La donna si è rifiutata di togliere le tazze dallo stand, ed allora ha ricevuto una lettera che le vietava del tutto di venderle. 
“E’ ingiusto. Prima dell’espulsione totale, occorrono tre avvertimenti. Mi hanno concesso tre giorni per fare appello ma sono davvero pochi” ha denunciato la Gayle ai giornalisti. “Chi mi ha denunciato, ha dichiarato che le tazze sono offensive poiché nelle crociate di 710 anni, i Templari uccisero i musulmani” ha denunciato la donna.

“I Cavalieri Templari combattevano i monaci, proteggevano i pellegrini in viaggio verso Gerusalemme che non furono più derubati. Non si trattava di un esercito” ci tiene a precisare. Ma purtroppo le battaglie contro il politicamente corretto sono perse in partenza.

Roversi MG.

Alcuni musulmani l’hanno denunciata: “I templari uccidevano i musulmani, è offensivo”. La donna non potrà più vendere al mercato