Roma, rapina choc: madre e figlia rapinate e picchiate con cacciaviti da gruppo di rom

Ancora violenza a Roma. Questa volta è accaduto all’Anagnina, dove domenica due donne nomadi, madre e figlia di 46 e 16 anni anni, sono state assalite al mercato da altri quattro rom, due uomini e due donne. Le donne aggredite sono la moglie e la figlia di Najo Adzovic, ex delegato di Alemanno ai rapporti con i rom e vivono nel campo di via Salone. La famiglia di nomadi che è stata aggredita è integrata bene nella comunità locale.

Gli aggressori le avrebbero prese di mira per sottrarre loro una collana d’oro: le due donne sono state picchiate con dei cacciaviti.
Uno degli aggressori, K. H., del campo della Barbuta, è stato denunciato a piede libero dai poliziotti del Commissariato Romanina.

Gli agenti sono riusciti a fermare solamente uno degli aggressori, gli altri si sono rifugiati nel campo rom La Barbuta e difficilmente, data l’omertà che contraddistingue i nomadi, potranno essere catturati.“Si è trattato di un’aggressione vile di fronte a decine di italiani che non hanno mosso un dito per aiutarle e soccorrerle” ha denunciato Najo Adzovic.“Sono molto spaventate e scioccate, difficilmente potranno dimenticare questa brutta esperienza. Queste persone che si comportano così vanno punite, disonorano tutti”.
La moglie è stata curata con prognosi di 15 giorni, la figlia è ancora ricoverata al Policlinico Casilino.

Roversi MG.