Allarme sicurezza: l’Isis sta programmando un attentato peggiore dell’11 settembre?

isis come 11 settembre
isis come 11 settembre

La perdita di Raqqa non ferma i terroristi. Almeno secondo il ministro ad intnerim della Sicurezza Interna degli Stati Uniti, secondo la quale l’Isis starebbe pianificando un attacco simile o addirittura peggiore di quello avvenuto l’11 settembre 2011 contro le Torri Gemelle ed il Pentagono, ad opera dei terroristi di Al Qaeda, guidati da Osama bin Laden. Elaine Duke lo ha dichiarato nel corso di un intervento all’ambasciata di Londra, specificando che gli attacchi con coltelli e furgoni messi in atto dagli jihadisti in Francia, Spagna, Regno Unito ed in altri stati europei sarebbero solo la punta dell’icebergo, ovvero un modo per tenere le proprie cellule pronte per un’altra “grande esplosione”.

 

Nonostante l’evidente difficoltà nelle città roccaforte in Siria ed in Iraq, riconquistate dai curdi e dalla coalizione americana, i terroristi islamici starebbero dunque lavorando ad un nuovo importante attentato con un obiettivo più grande: a riprova vi sarebbero una serie di elementi scoperti dalle intelligenze, che confermerebbero il piano preparato dai terroristi, che prevederebbe tra le altre cose l’utilizzo di aerei da dirottare per provocare migliaia di morti.

 

“Le organizzazioni terroristiche, che siano Isis o altre, vogliono una grande esplosione come quella dell’11 settembre – ha dichiarato il ministro per la Sicurezza Interna Usa – Vogliono tirare giu’ arerei e su questo le fonti di intelligence sono chiare. Al momento hanno bisogno di finanziarsi e di restare visibili e tenere impegnati i loro membri. Per questo usano azioni minori”. Una calma apparente dunque, con la sola finalità di “creare il terrore” attraverso attacchi con attacchi su furgoni e con armi da taglio, così da mantenere uno stato di tensione e paura alto andando a ripercuotersi negativamente sulla vita quotidiana dei civili. “Ma questo – ha confermato la Duke – non significa che abbiano rinunciato ad un grande attentato con aerei”.

Daniele Orlandi