Home Notizie dal territorio Milano Violentò ripetutamente bambina problematica: sette anni di carcere al professore milanese

Violentò ripetutamente bambina problematica: sette anni di carcere al professore milanese

Il terribile caso di pedofilia e stupro ai danni di una bambina con problemi cognitivi, da parte del un professore giunge all’esodo: sette anni di galera per il docente.

L’inchiesta, culminata con l’arresto e con la condanna dell’insegnante milanese, risale alla scorsa primavera, quando gli inquirenti hanno disposto intercettazioni telefoniche e video a seguito delle confessioni della piccola.

Il docente milanese era solito dare ripetizioni a casa sua, non solo alla bambina di 9 anni (sua vicina di casa), ma anche ad altri sette bambini – come rivelerà alla polizia in un secondo momento la moglie, ignara di tutto e sconvolta. Ma le ore di ripetizione diventavano ore da incubo per i poveri innocenti malcapitati.

L’insegnante, residente a Milano, avrebbe costretto la piccola, affetta da patologie cognitive, a subire e a compiere su di lui atti sessuali. Anzi, abusando delle condizioni di inferiorità psichica della piccola, sperando forse nel suo silenzio. Stando alle indagini, l’uomo avrebbe costretto anche un altro bambino di 6 anni, amico di suo figlio, ad assistere a tali atti sessuali.

L’imputato, 63 anni, avrebbe violentato la bimba almeno nove volte, tra gennaio e maggio scorso, approfittando dei momenti in cui sua moglie era in un’altra stanza. È stato condannato dal gup di Milano Natalia Imarisio a 7 anni di carcere su richiesta del pm Luca Gaglio.

La sentenza è stata emessa nei giorni scorsi con rito abbreviato. L’imputato ha quindi beneficiato dello sconto di un terzo sulla pena.

M.Valentina Colasuonno