Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Brescia, parroco denuncia il furto delle reliquie di Giovanni Paolo II

CONDIVIDI

Un gruppo di sedicenti turisti ha approfittato della distrazione del parroco di Tignale (Brescia) per rubare dal santuario del paese le reliquie che contengono il sangue di San Giovanni Paolo II e quelle che contengono i frammenti ossei beato Jerzy Popieluszko. A denunciare il furto è stato proprio don Giuseppe Mattanza, il sacerdote che da undici anni responsabile del santuario di Montecastello che si trova sulla riva nord del Lago di Garda. Il parroco, però, si è accorto del furto solo quando era troppo tardi ed ha avvertito immediatamente le autorità con la speranza che vengano ritrovate.

La notizia del furto è stata divulgata questa mattina dal quotidiano locale ‘Bresciaoggi‘, nell’articolo c’è scritto che i ladri si sono finti dei pellegrini interessati a pregare a cospetto delle reliquie ed hanno chiesto di poter entrare a margine dell’orario di chiusura. Il sacerdote non ha fatto caso alla cosa e li ha lasciati in contemplazione degli oggetti sacri. Quando ha fatto ritorno, però, i sedicenti pellegrini erano scomparsi e con loro anche i recipienti contenenti le reliquie dei religiosi, due calici e due pissidi.

Si tratta di un duro colpo per il santuario di Montecastello che aveva ricevuto l’onore di custodire quelle reliquie nel 2014: quell’anno, infatti, la parrocchia era andata in pellegrinaggio a Cracovia e per l’occasione il Vescovo della capitale polacca aveva donato al sacerdote gli oggetti sacri. Non è la prima volta quest’anno che vengono sottratte da un santuario importanti reliquie, qualche mese fa erano state rubate quelle di San Giovanni Bosco, ma per fortuna erano state ritrovate dopo poco e restituite. Memore di quel precedente don Mattanza si augura un esito simile delle indagini: “Mi auguro che tutto possa essere recuperato in tempi brevi, come è accaduto con la reliquia di San Giovanni Bosco pochi mesi fa”.

F.S.