Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Bolzaneto, fu tortura: Corte Europea condanna l’Italia

CONDIVIDI

Atti di tortura. E’ quanto stabilito dalla Corte Europea per i Diritti Umani, che ha condannato l’Italia per le violenze perpetrate dalle forze dell’ordine nel carcere di Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001. Inoltre, la Corte Europea ha condannato l’Italia “per non aver condotto un’indagine efficace in merito alla vicenda”.

Le parti civili del processo erano una quindicina di persone di 8 diverse nazionalità, che sono state pertanto riconosciute come vittime di torture da parte delle forze dell’ordine durante i giorni del G8 a Genova, nel luglio del 2001. Si tratta in particolare di persone che furono rinchiuse fra il 20 e il 22 luglio nel carcere di Bolzaneto.

Dopo la condanna per la “macelleria messicana” nella caserma Diaz, viene fatta finalmente piena luce sulle tremende violenze avvenute anche all’interno del carcere di Bolzaneto. Una sentenza che provoca le reazioni del mondo politico. Emanuele Fiano, del Partito Democratico, definisce la vicenda “una pagina orribile della nostra storia, non ci possono essere giudizi diversi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Nicola Fratoianni, di Sinistra Italiana: “Sapevamo che ci fu tortura – ha detto Fratoianni – Siamo amareggiati per aver atteso quasi 20 anni. Ora mai più quelle scene e quelle infamie”.

Nell’aprile scorso il governo italiano aveva riconosciuto i propri torti nei confronti di sei cittadini per quanto subito nella caserma di Bolzaneto il 21 e 22 luglio 2001, ai margini del G8 di Genova, e gli verserà 45 mila euro ciascuno per danni morali e materiali e spese processuali.