Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo “Mi curo bevendo la mia urina”, 27enne infetta dieci persone con l’HIV

“Mi curo bevendo la mia urina”, 27enne infetta dieci persone con l’HIV

Ha infettato deliberatamente i suoi partner sessuali con l’HIV, dicendo loro che si stava curando bevendo la propria urina. E’ l’incredibile storia di Daryll Rowe, che ha negato di aver infettato le sue vittime e afferma di non ricordare l’invio di un messaggio di testo a uno di loro con il seguente testo: “Ho l’HIV. Ops”.

Il 27enne si trova ora sotto processo a Lewes Crown Court con l’accusa di aver infettato dieci uomini.

Rowe ha inoltre riferito alla giuria di non essere riuscito a ricordare la maggior parte della conversazione che aveva avuto dopo aver fatto sesso con la sua prima presunta vittima. Ma ha detto che i messaggi erano stati scritti “solo per avere una reazione”.

Il procuratore Caroline Carberry ha detto a Rowe che la sua affermazione secondo cui la terapia alternativa di urina lo stava curando, era una “sciocchezza” per spiegare la “campagna” che aveva intrapreso per infettare gli uomini con l’HIV.

Ma Rowe ha insistito: “Perché l’avrei fatto ogni singolo giorno se l’avessi ritenuta una sciocchezza?”. Ma ha poi ammesso di non essersi fidato dei medici professionisti e di non aver parlato con il suo medico della “terapia alternativa” perchè troppo imbarazzato. “Mi derideva per il mio stile vegan”, ha riferito Rowe.