Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

14enni legate, stuprate e minacciate di morte: Selfie e foto di pistole, ecco chi è l’aggressore

CONDIVIDI

Emergono testimonianze tremende dall’episodio di violenza sessuale avvenuto a Roma, in un campo sulla Collina, ai danni di due ragazzine di soli 14 anni. Le due sono state attirate in trappola con una conversazione su Facebook da Mario Seferovic, 21enne, e un amico 20enne, Bilomante Maikon Halilovic, entrambi rom di origine bosniaca che vivono in una baraccopoli di Via di Salone.
Il primo, noto alla polizia per reati contro il patrimonio, prima minacciato le due ragazze e le ha costrette ad andare in una zona isolata, quindi ha violentato le ragazzine dopo averle legate. L’altro 20enne faceva da palo.

Le ragazzine hanno anche detto che il 21enne le ha minacciate di morte, e le ha legate, prima di violentarle.
Il GIP Costantino De Robbio nell’ordinanza cautelare con la quale sono stati arrestati i due ha detto che l’atto è stato compiuto con “estrema freddezza e determinazione unite ad un’assoluta mancanza di scrupoli e a una non comune ferocia verso le vittime”.

Oltre a questo, le minacce di morte e il tentativo del 21enne di “contattare la madre delle ragazze, forse anche per appurare se le vittime avessero rispettato la consegna del silenzio”.
Su Instagram, le foto del 21enne in pose minacciose, da ‘duro’, e con frasi sul rispetto e sulla violenza, sull’amore. Il profilo del 21enne è ricco di selfie e di aforismi, anche tranquillamente postati dopo aver violentato le due ragazzine.
I due sono accusati di violenza sessuale di gruppo continuata e sequestro di persona continuato in concorso.

Roversi MG.