Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Polemiche per la tomba del compagno gay scomparso: “è un pugno in...

Polemiche per la tomba del compagno gay scomparso: “è un pugno in un occhio”

Ha suscitato clamore la tomba che, nel cimitero di Mariano Comense, Corrado Spanger ha dedicato al suo compagno, scomparso dopo 36 anni d’amore.

Un sepolcro decisamente eccentrico: un cubo simile a un giardino colorato, pieno di fotografie del defunto.

Carlo Annoni, infermiere di 61 anni era morto lo scorso aprile, lasciando il compagno di una vita nella più totale disperazione, sposato a Londra quando in Italia era ancora vietato, e poi nel suo Comune, quando le unione civili sono diventate leggi.

Volevamo un sepolcro diverso – spiega l’artista e attivista dell’Arcigay – qualcosa che parlasse di vita e di gioia, di amore […] Carlo e io abbiamo voluto far capire che l’amore gay non ha in sé nulla di male, ma anzi regala una vita a colori“.

Sul suo profilo Facebook Corrado, in occasione dell’onomastico di Carlo, aveva scritto “Buon onomastico e baci, mio coccolo“, e lo scorso 2 Novembre pubblicato la foto della tomba con il post “Sto pensando che a Carlo farebbe piacere se i suoi amici andassero a trovarlo”.

Ma il capogruppo in comune di Forza Italia, Andrea Ballabio, non ha gradito ed ha preannunciato una mozione in consiglio comunale.

Nessuna discriminazione di genere – si è giustificato Ballabio – ma quella tomba è un pugno in un occhio, quasi un insulto verso gli atri defunti e i loro cari che vanno al cimitero […] Per questo nella mia mozione chiederò che in futuro le tombe rispettino certi canoni di forme e colori, sperando che chi ha voluto quella ci ripensi e magari la modifichi un po’: vogliono l’uguaglianza, essere trattati come tutti, quindi si comportino come gli altri”.

Caorrado Spanger aveva organizzato un festival e indetto un premio letterario ‘Carlo Annoni’, un concorso per testi inediti teatrali a tematica gay sulla diversità nella sfera dell’amore. Le iscrizioni sono aperte fino a Marzo 2018.

MDM