Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Meglio morto che gay”, padre uccide figlio 14enne

CONDIVIDI

Non poteva proprio sopportare che suo figlio fosse omosessuale. Un rifiuto netto, categorico, che è sfociato in un atto terribile.

Un uomo ha infatti assassinato suo figlio di soli 14 anni, dopo mesi di furiose litigate per via dell’orientamento sessuale del ragazzo. E’ accaduto negli Stati Uniti, e precisamente a Henderson, una cittadina dello stato del Nevada.

Il giovane si chiamava Giovanni Melton. Dopo un lungo periodo di screzi anche violenti, il padre ha deciso di mettere la parola fine nella maniera più tragica possibile: ha preso una pistola in suo possesso e ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco all’indirizzo del 14enne.

Da tempo il ragazzo non viveva più con il papà, Wendell Melton, 53 anni, ma si era rifugiato a casa del fratello proprio a causa dei continui litigi. Giovedì scorso Wendell si era recato nell’abitazione e subito è scoppiata una lite con Giovanni. Il motivo? Sempre lo stesso: l’orientamento sessuale del figlio.

Già in passato il 53enne aveva puntato una pistola all’indirizzo del 14enne, quando l’aveva sorpreso con un altro ragazzo. Stavolta Wendell Melton è andato fino in fondo. La madre, devastata dal dolore, ha usato parole durissime nei confronti dell’assassino: “Spero che non veda mai la luce del giorno. Spero che ogni giorno, quando si guarderà allo specchio, veda il volto di suo figlio”.