Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Mar Adriatico: avvistato due volte in pochi giorni uno squalo di 7...

Mar Adriatico: avvistato due volte in pochi giorni uno squalo di 7 metri – Video

Da quanto il cineasta americano Steven Spielberg ha ideato uno dei suoi più grandi successi, ‘Lo Squalo‘, il feroce predatore marino è diventato uno degli incubi più inquietanti legati alle attività di balneazione (motivo per cui ogni qualvolta ne viene avvistato uno lo si cita). Per fortuna la posizione della nostra penisola è solitamente inospitale per questi cacciatori che, nella maggior parte dei casi, predilige acque più profonde e fredde rispetto a quelle che caratterizzano le nostre coste.

Capita, però, che questi temibili cacciatori seguano le proprie prede per chilometri (tecnica utilizzata per fare stancare le prede) e che queste possano avvicinarsi alla costa portandosi dietro l’inseguitore (un episodio simile si è verificato la scorsa estate nello Stretto di Messina). Questo è proprio quello che ha indotto, secondo gli esperti, un esemplare mastodontico (7 metri di lunghezza) di squalo bianco ad aggirarsi nei pressi delle coste delle Marche e della Romagna.

Due infatti sono stati gli avvistamenti negli ultimi giorni a cavallo di ottobre e novembre: il primo si è verificato a largo della costa di Rimini, a vedere e riprendere il temibile cacciatori sono stati due pescatori che si trovavano a quindici miglia dalla terra ferma. Lo squalo è emerso in prossimità della loro imbarcazione e dopo avergli nuotato attorno per qualche minuto si è immerso nuovamente. Il secondo avvistamento è stato segnalato alla capitaneria di porto di Fano (Pesaro) da due sommozzatori che si stavano appropinquando ad effettuare un immersione. Le modalità di avvistamento sono state le medesime del primo caso, il predatore è emerso e dopo qualche giro attorno all’imbarcazione si è allontanato. 

In seguito alle segnalazioni, la Guardia Costiera ha diramato una nota ufficiale chiedendo ai bagnanti di limitare al massimo le attività ricreative nella zona degli avvistamenti, in questa si legge: “La Guardia Costiera chiede la massima prudenza ai cittadini, restano valide le raccomandazioni di rito sconsiglianti la balneazione nonché la pratica di attività ludico-sportive in mare di qualsiasi tipo, in solitaria e con indebito e inopportuno allontanamento dalla costa”.

F.S.