Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Ultime Notizie di Cronaca Estera Attaccato con l’acido dalla ex, dopo 15 mesi di sofferenze sceglie l’eutanasia

Attaccato con l’acido dalla ex, dopo 15 mesi di sofferenze sceglie l’eutanasia

attacco con l'acido
attacco con l’acido

Paralizzato dal collo in giù e cieco a causa di un attacco con l’acido avvenuto nel mese di settembre 2015, il 29enne Mark Van Dongen ha deciso di mettere fine alla sua vita, come confermato dal padre nel processo che vede la sua ex fidanzata accusata di omicidio. Berlinah Wallace, 48 anni, è stata infatti da lui stesso accusata di avergli gettato dell’acido addosso provocandogli ferite gravissime, tanto da portarlo a prendere la terribile decisione di recarssi di una clinica nella quale sottoporsi ad eutanasia poichè, come spiegato da Mark Van Dongen, non ha più motivo di continuare a vivere. Il decesso è avvenuto nel mese di gennaio in Belgio, dopo 15 mesi tra atroci dolori e sofferenze: l’attacco è avvenuto nella zona di Westbury Park, a Bristol, Inghilterra: qui, nell’abitazione di lui, la fidanzata gli avrebbe detto, ‘se non posso averti, nessun altro potrà farlo al posto mio’, prima di compiere il terribile attacco. Le urla di dolore del giovane hanno richiamato l’attenzione di un vicino che lo ha portato nella doccia di casa per poi chiamare il 999, il numero per le emergenze.

 

Il padre di Mark, Cornelius, ha preso parte al processo e davanti alla giuria della Bristol Crown Court ha spiegato di aver impiegato più di quattro mesi prima di poter comunicare con il figlio utilizzando un alfabeto ad hoc ed altri cinque mesi prima che potessero parlare. Solo in questo modo il giovane ha potuto, utilizzando solo la lingua, fare il nome della persona che lo ha ridotto così, ovvero Berlinah. Il figlio nel novembre dello scorso anno è stato trasferito da una casa di cura a Gloucester, in un ospedale in Belgio: aveva nel frattempo sviluppato un’infenzione polmonare acuta e doeva necessariamente essere intubato. Distrutto a causa dei dolori e consapevole che non sarebbe più riuscito a riavere una vita normale, Mark ha deciso a quel punto di mettere fine alla sua vita. “Non voleva più andare avanti ma solo morire”, ha confermato il padre, che ora attende che il tribunale emetta una condanna contro l’ex fidanzata del figlio.

Daniele Orlandi