Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Le dichiarazioni di una delle Lolite pornosexy di Modena: “Ci scambiavamo foto hot per noia”

CONDIVIDI

Ci mostravamo a vicenda il seno per far vedere quanto era abbondante e le parti intime, per paragonarci tra noi. Ci piaceva esibirci in questo modo […]. Ci scambiavamo foto hot in chat per noia“, queste alcune delle dichiarazioni di una delle cosiddette “Lolite di Modena“, le 63 liceali tra i 16 e i 17 anni della provincia di Modena e Reggio Emilia, le cui foto osé sono state intercettate da un coetaneo e diffuse tra i ragazzi della zona.

Il caso di sexting, riportato dal quotidiano Il Resto del Carlino, è saltato fuori quando il fidanzato di una di loro si è rivolto all’associazione antipedofilia «La Caramella Buona».

Ora una delle protagoniste della vicenda, ha deciso di parlare e lo ha fatto al Corriere della Sera, manifestando preoccupazione per quelle immagini finite in rete: “Ora sono nel panico, i miei non sanno nulla. Non so che fare“, ha detto la poco più che adolescente.

Intanto la polizia postale continua a indagare e Nunzia Ciardi, direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, avverte che, “al di là del caso specifico, le foto di una minorenne nuda sono materiale pedopornografico: è un reato sia scaricarle che diffonderle“.

MDM