Home Tempi Postmoderni L’uomo più vecchio del mondo ha 121 anni; ma non può (ancora)...

L’uomo più vecchio del mondo ha 121 anni; ma non può (ancora) provarlo

Celino Villanueva Jaramillo sarebbe a tutti gli effetti l’uomo più vecchio del mondo.

Nato in Cile nel 1896, dove è diventato famoso, in realtà per il resto del mondo Don Celino – così come viene da sempre chiamato -, non esisterebbe, perché avrebbe perduto tutti i suoi documenti in un incendio, scoppiato nella sua casa di Mehuin, quando aveva 99 anni.

Registrato all’anagrafe statale, l’ultracentenario sarebbe nato il 25 luglio 1896 a Rio Bueno, una città della regione di Los Rios, e lo corso anno avrebbe ricevuto una nuova carta d’identità ed un certificato in cui veniva dichiarato come l’uomo più vecchio del Cile.

Venuta a conoscenza della sua storia, cui ha dato rilevanza internazionale il quotidiano britannico The Guardian, una donna di nome Martha Ramírez, ha deciso di prendersi cura di lui. L’anziano infatti non è autosufficiente: non può camminare, ha perso quasi del tutto l’uso della vista e dell’udito e non ha più i denti.

Benché Celino non figuri nel libro del Guinnes World Records, nel Paese sudamericano nessuno dubita della sua veneranda età, e se l’anziano dovesse riuscire a certificarlo strapperà il primato di longevità ora detenuto dallo spagnolo Francisco Nunez Olivera, 112 anni.

MDM