Home Tempi Postmoderni Tech & Web

Sito web scatena polemiche: si possono insultare le ragazze senza motivo

CONDIVIDI
insulti ragazze su web
insulti ragazze su web

Sta suscitando non poche polemiche una piattaforma online, arrivata anche in Italia, sulla quale gli utenti possono insultare, senza alcuna ragione, le ragazze, molte delle quali minorenni. Il meccanismo di funzionamento di questo sito è molto semplice e allo stesso tempo inquietante: qualsiasi utente infatti ha la possibilità di caricare sulla pattaforma online immagini prese dai social come Facebook ed Instagram, ma anche istantanee ‘rubate’ di momenti intimi e che dovrebbero rimanere privati, per poi cominciare a commentarle con insulti oppure scambiandosi pareri di natura sessuale.

 

A rendere ancor più terribile l’intera vicenda, vi è il fatto che tutto avviene all’insaputa delle ragazze, moglie, fidanzate o in alcuni casi minorenni, le quali non vengono informate del fatto che una loro immagine sia stata pubblicata sul sito in questione e da lì venga condivisa con commenti negativi annessi. Le ragioni alla base di questo assurdo sito web, del quale non faremo il nome, sono generiche: si può trattare sia di persone sconosciute, delle quali si prelevano immagini dai social network, oppure amiche o ancora ex fidanzate. La piattaforma diventa così una sorta di terribile valvola di sfogo, sulla quale dire tutto ciò che si pensa mantenendo allo stesso tempo l’anonimato e contribuendo ad alimentare l’odio nei confronti di centinaia o addirittura migliaia di persone, riempite di insulti o di epiteti provocanti. Quello che sembra all’apparenza un normale sito di hosting, nasconde un’amara verità: nato negli Stati Uniti nel 2015 è da poco arrivato anche nel ‘Belpaese’.

 

Quando si carica l’immagine è possibile anche scegliere il tema, ed una specifica categoria: tutto avverrà in modo anonimo, come specificato sul sito senza nemmeno la necessità di effettuare una registrazione, creando di fatto una sorta di mondo sommerso (proprio come accaduto con Pink Meth, sito del deep web) composto da persone potenzialmente pericolose o, in ogni caso, pervertiti dai loschi pensieri di natura sessuale. Con un flusso di foto praticamente costante e che non si interrompe mai, ed i peggiori pensieri, frasi o epiteti che si possano immaginare. Su questa piattaforma online infatti, dove gli utenti sembrano trovarsi allo stato brado, tutto è permesso. Ma ancor peggio, le loro ‘vittime’ vengono letteralmente schedate e, dal momento che in molti casi gli utenti diffondono anche i loro nomi e cognomi, il rischio di ripetute violazioni della privacy è cosa concreta.

D.O.