Home Spettacolo Cinema Brizzi e le molestie, Warner Bros: il film di Natale uscirà comunque,...

Brizzi e le molestie, Warner Bros: il film di Natale uscirà comunque, ma il regista è fuori

La Warner Bros. Entertainment Italia ha deciso di confermare l’uscita, per il 14 dicembre, del film natalizio “Poveri Ma Ricchissimi”, spiegando che il film “è il risultato della creatività, del lavoro e della dedizione di centinaia di donne e di uomini di cast e produzione”. L’annuncio è stato dato in un comunicato in cui si sottolinea che la casa di produzione “ha sospeso ogni futura collaborazione con Brizzi che non verrà associato ad alcuna attività relativa alla promozione e distribuzione del film”

Poi, nel comunicato, la casa di produzione sulle accuse di molestia sottolinea:

«Warner Bros. Entertainment Italia prende molto seriamente ogni accusa di molestia o abuso e si impegna fermamente affinché l’ambiente di lavoro sia un luogo sicuro per tutti i suoi dipendenti e collaboratori».

Il comunicato di Warner Bros arriva dopo le denuncie di molestie contro Brizzi fatte da diverse aspiranti attrici, andate in onda durante un servizio de ‘Le Iene’. Il regista romano ha categoricamente negato ogni accusa facendo sapere che “in via precauzionale e per evitare strumentalizzazioni” hasospeso tutte le (…) attività lavorative e imprenditoriali”.

Il cinepanettone, quindi, sarà proiettato nelle sale italiane già dal 14 dicembre. Ecco la trama della commedia.

Grazie all’astuto Kevi che ha messo in salvo i risparmi di famiglia, i Tucci di Torresecca sono ancora i milionari più screanzati d’Italia. Scivolata nella spassosa ostentazione del lusso in Poveri ma ricchi, la coppia formata da Danilo (Christian De Sica) e Loredana (Lucia Ocone) torna in Poveri ma ricchissimi con una passione tutta nuova: la politica. Lo sconcertante programma elettorale dei cafoni nobilitati prevede l’indizione di un singolare referendum che permetta al loro paesino di uscire dall’Italia, dichiararsi Principato indipendente e proporre così nuove leggi. Una vera e propria “Brexit Ciociara”, un Principato a conduzione familiare con un leader bifolco e spettinato, “povero” di affettazione, ma “ricco” anzi “ricchissimo” di denaro. Grazie a un solido conto in banca e al sostegno di parenti sopra le righe – nonna Nicoletta (Anna Mazzamauro) e zio Marcello (Enrico Brignano) – Danilo si appresta a diventare l’unico leader al mondo che fa più gaffes di Donald Trump.

Stefano Vilardo