Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo USA, non trovano la vena al detenuto: “rinviata” la pena di morte

USA, non trovano la vena al detenuto: “rinviata” la pena di morte

Si salva dalla pena di morte grazie alla sua vena. E’ quanto accaduto negli Stati Uniti, dove un detenuto condannato alla pena capitale è riuscito a cavarsela perchè il boia non è riuscito ad iniettargli il mix letale.

Almeno per ora, il 69enne Alva Campbell ha eluso la condanna. Per circa mezz’ora il boia ha cercato la vena per iniettare al detenuto il mix che l’avrebbe ucciso, ma alla fine le autorità della prigione di Lucasville, nello stato dell’Ohio, si sono arrese. Tuttavia, l’esecuzione è stata soltanto sospesa: sono state le stesse autorità dell’Ohio, dove il condannato è recluso, ad annunciare che verrà fatto un nuovo tentativo, anche se la prossima data non è stata ancora resa nota.

In tutta la storia degli Stati Uniti, è la terza volta che accade un fatto del genere. Stando a quanto riferito dalle autorità carcerarie, fino ad un’ora e mezza prima dell’esecuzione non era emerso alcun problema con le vene del condannato. Secondo i media locali, pare che gli agenti abbiano tentato di infilare una cannula per due volte nel braccio destro di Campbell e successivamente nella gamba destra, appena sotto il ginocchio. Ma ogni tentativo è risultato inutile.

Il 69enne è stato condannato a morte per aver ucciso un diciottenne durante il furto di un’automobile. I fatti risalgono al 1997.