Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Immagini di un videogioco scambiate per vere e la Russia accusa gli...

Immagini di un videogioco scambiate per vere e la Russia accusa gli US di collaborare con ISIS

Quando la gaffe è sui social e porta la firma di un Ministero della Difesa, il caso diventa subito di portata mondiale. Martedì scorso il Ministero della Difesa russo ha diffuso un controverso messaggio sul profilo Twitter ufficiale in ben tre lingue, russo, inglese e arabo: a quanto risultava da alcune immagini pubblicate, le prove della collaborazione di Stati Uniti con l’Isis sarebbero state inconfutabili. Ecco il Tweet:

“Gli Stati Uniti stanno coprendo le unità di combattimento dell’ISIS per recuperare le loro forza in combattimento, riorganizzarle e utilizzarle per promuovere gli interessi americani in Medio Oriente”.

Le cosiddette “inconfutabili” prove si basavano su alcune fotografie aeree in bianco e nero di convogli e veicoli attraverso il deserto, ma già a primo impatto era facile per un occhio esperto individuare i falsi: alcune foto infatti provenivano dal videogioco 120 Gunshop Simulator: Special Ops Squadron. I fotogrammi erano già virali sul web da inizio novembre scorso, quando un utente di Twitter le attribuì ad un altro combattimento reale in Iraq. Ma evidentemente il dettaglio era sfuggito agli esperti di social media del Ministero.

A seguito del clamoroso equivoco il Tweet è stato prontamente cancellato, e il Ministero della Difesa russo si è giustificato attribuendo l’errore ad un “impiegato”. Mosca può aver ammesso l’errore riguardante i fotogrammi del videogioco, tuttavia continua a dichiarare di credere che il resto delle immagini siano reali, nonostante la smentita anche da parte delle squadre dell’UE specializzate in falsi mediatici. Perseguendo questa macchinosa versione, il tentativo russo di debilitare l’immagine degli Stati Uniti rischia di fallire.

M.Valentina Colasuonno