Home Tempi Postmoderni Scienze Alieni, gli scienziati inglesi sono sicuri: un flusso di polvere interstellare potrebbe...

Alieni, gli scienziati inglesi sono sicuri: un flusso di polvere interstellare potrebbe portarli sulla Terra

 

 

 

 

 

Gli alieni sono sulla Terra? La domanda, che da numerosi decenni affascina l’uomo e a cui l’uomo ha risposto con delle spiegazioni quasi sempre utopistiche su degli indizi infondati, sembra aver finalmente trovato una risposta proveniente dalla comunità scientifica.

Che gli alieni si trovino sul nostro pianeta è la teoria portata avanti da un gruppo di scienziati inglesi. Il team in questione, guidato dal Professore Arjun Berera, si è spinto oltre, asserendo che le forme di vita aliene potrebbero essere alla base della proliferazione della vita sul nostro pianeta, e non solo. È stata scoperta, infatti, l’esistenza di un pianeta molto simile al nostro in quanto a condizioni  ottimali per la nascita della vita e distante “soltanto” 11 anni luce dalla Terra. Ma come si diffonderebbe la vita aliena in tutto l’universo?

Il fulcro della teoria elaborata in ambiente anglosassone dalla Scuola di Fisica e Astronomia dell’Università di Edimburgo riguarda il flusso di polvere interstellare, la cui esistenza all’interno del sistema solare era già stata provata grazie ai dati inviati dalla sonda spaziale Ulysses, in orbita dal 1990. Attraverso la polvere si potrebbero spostare, alla velocità di 44 miglia al secondo, numerosi organismi e bioparticelle (ce ne sono alcuni sulla Terra in grado di sopravvivere nello spazio).

È stato provato che molti di questi organismi, in particolari condizioni, possono essere liberati dalla forza di attrazione gravitazionale terrestre e viaggiare nell’universo  (forse anche a bordo di comete e meteore). Nulla di più semplice pensare che lo stesso possa accadere verso la Terra, e non solo da.

Se l’ipotesi portata avanti dagli studiosi fosse ulteriormente corroborata da prove, ciò potrebbe significare che la vita aliena potrebbe aver raggiunto numerosi altri pianeti nell’Universo e non sarebbe, quindi, un fenomeno così raro e particolare come si è sempre creduto.

Maria Mento