Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Nigeria, ragazzo entra nella moschea durante la preghiera e si fa saltare...

Nigeria, ragazzo entra nella moschea durante la preghiera e si fa saltare in aria: è strage

Non si ferma la violenza in Nigeria. Questa mattina almeno 40 persone sono rimaste uccise in un attacco kamikaze avvenuto durante la preghiera del mattino fuori da una moschea di Mubi, nello stato di Adamawa, nella Nigeria Nord Orientale.

La strage sarebbe avvenuta durante la preghiera, attorno alle 5.20 ora del luogo: l’attentatore è un ragazzino di 17 anni, che ha azionato un giubbotto esplosivo. Il ragazzo si è mescolato con la folla e quindi ha azionato il giubbotto esplosivo, facendosi saltare in aria.

Innumerevoli anche i feriti, che sono stati ricoverati negli ospedali della zona. Stiamo ancora accertando il numero delle persone rimaste ferite nell’esplosione perché si trovano ricoverate in vari ospedali del paese”, ha detto Othman Abubakar, portavoce della polizia.
Sebbene per il momento non ci sia alcuna rivendicazione dell’attacco, i sospetti cadono sul gruppo estremista islamico Boko Haram, che da anni terrorizza la Nigeria compiendo attentati simili a quello appena avvenuto, ammazzando senza pietà sia musulmani che cristiani.