Home Tempi Postmoderni Scienze

Scoperto il primo “oggetto” stellare proveniente da un’altra galassia

CONDIVIDI

Lo scorso 19 ottobre gli astronomi dell’Osservatorio astronomico delle Hawaii hanno scorto nello spazio sopra il nostro pianeta un oggetto spaziale non identificato. Incuriositi dalla forma di questo oggetto gli astronomi ne hanno calcolato l’orbita e la velocità ed alla fine sono giunti alla conclusione che si trattava di un asteroide proveniente da un altro sistema solare.

A confermare che questo asteroide sigaroforme (lungo quasi 400 metri e largo altrettanto) chiamato Oumuamua (Messagero) è sia la velocità con la quale si muove (95000 chilometri orari) sia i suoi colori (va dal nero oscuro al rossastro) che sono molto simili a quelli osservati in alcuni sistemi solari osservati. Inizialmente, infatti, si pensava che potesse provenire dal vicino sistema solare Vega, ma in seguito ad alcuni calcoli basati sulla velocità e l’orbita si è scoperto che si sarebbe trovato nell’attuale posizione di Vega 300 mila anni luce fa, periodo in cui il sistema solare in questione non era presente.

Gli astronomi, quindi, si sono persuasi del fatto che questo asteroide vagante non si sia staccato da uno dei pianeti o delle stelle appartenenti ai sistemi solari vicini al nostro, ma che stia vagando nell’universo da milioni di anni. A suggerire questa ipotesi è la dottoressa Karen Meech, dell’Istituto Astronomico delle Hawaii, che ha dichiarato sul ‘Natural Journal‘ : “Oumuamua potrebbe aver viaggiato per la via lattea per centinaia di milioni di anni senza essere attaccato ad alcun sistema stellare, prima di aver la sua chance di entrare a contatto con il sistema solare”.

La studiosa ha inoltre aggiunto che: “Abbiamo inoltre scoperto che ha un colore rosso scuro simile a quello di corpi celesti appartenenti ad altri sistemi solari e confermato che è completamente inerte, senza il minimo suono o pulviscolo intorno ad esso”. L’osservazione dell’asteroide ha infine permesso il riconoscimento di diversi metalli pesanti, ma anche l’assenza di fonti d’acqua, il che esclude la presenza di vita.

F.S.