Home Tempi Postmoderni Tech & Web In vendita bambola del sesso che consente lo stupro, è polemica

In vendita bambola del sesso che consente lo stupro, è polemica

roxxxy bambola del sesso
roxxxy bambola del sesso

In un periodo nel quale scandali per presunte molestie o abusi sessuali sono all’ordine del giorno, la notizia di una bambola del sesso che consente agli uomini di violentarla non poteva certamente passare in secondo piano. In realtà se ne parla da alcuni mesi e la vicenda ha creato grandi polemiche una volta venuta alla luce: la bambola in questione, lanciata dall’azienda statunitense True Companion, si chiama Roxxxy e, utilizzando l’intelligenza artificiale, può di fatto avere personalità differenti così da soddisfare variegate fantasie delle persone che decidono di acquistarla.

 

Il problema è legato al fatto che una delle ‘funzioni’ di Roxxxy, si chiama Frigid Farrah, opzione che imposta il robot in modo tale che opponga resistenza alle avances sessuali del cliente, di fatto uno stupro tra uomo e bambola. Questo almeno secondo quanto denunciato da un avvocato ed un attivista, Kate Parker, fondatore dell’associazione caritatevole Schools Consent Project, i quali hanno richiesto la messa al bando del prodotto. Di contro l’azienda sostiene che Roxxxy non sia stata programmata per partecipare ad alcun tipo di stupro parlando di ‘congetture’ nei confronti delle accuse rivolte loro dall’associazione. Secondo la signora Parker invece queste bambole potrebbero normalizzare la violenza sessuale, sviluppando nel loro proprietario una sensazione ‘sinistra’ che potrebbe portarlo ad utilizzare la forza nella consapevolezza che, trattandosi di un robot, non vi sarebbero conseguenze penali. Sul suo blog l’attivista ha sottolineato che “Alcune persone dicono che questi robot rafforzano l’oggettivazione delle donne e le mercificano con il sesso, altri invece pensano che i robot permettono ad altri individui isolati di sperimentare l’intimità. In entrambi i casi, Roxxxy è una bestia diversa. Il fatto che la macchina non abbia un pensiero o dei sentimenti, essere un umano, non rende la sua esistenza neutrale: i robot normalizzano la violenza sessuale, servono e forniscono una distrazione per gli impulsi criminali che dovrebbero probabilmente essere soggetti ad un intervento psichiatrico”.

 

Ad oggi Roxxxy risulta essere il prodotto di punta dell’azienda statunitense: al costo di 7700 sterline, si porta a casa una bambola completamente personalizzabile che, oltre al sesso, può offrire, secondo quando raccontato da True Companion, compagnia e sostegno sociale agli uomini solitari.

Daniele Orlandi