Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Bali, è allarme per la violenta eruzione del vulcano Agung. Compagnie aeree cancellano i voli- VIDEO

CONDIVIDI

 

 

 

 

 

 

L’indonesiano vulcano Agung, sito nell’isola di Bali, sta creando preoccupazioni agli abitanti della zona e a tutti coloro che vorrebbero raggiungere l’isola in areo. Il monte ha eruttato per ben due volte nel corso di questa settimana, facendo sollevare una colonna di fumo che si innalza nel cielo per ben 4 km. Il peggio, però, forse deve ancora venire: gli esperti si attendono un’eruzione ben più importante delle precedenti.

A causa delle alte nubi costituite da ceneri che il vulcano ha sollevato è stato lanciato un allarme rosso che le compagnie aeree hanno colto e che ha consentito di sospendere migliaia di voli in partenza per l’isola. Le ceneri rilasciate dal cratere, infatti, potrebbero danneggiare i propulsori degli aerei. L’aeroporto di Bali non è stato chiuso ma si calcola che per queste eruzioni Bali abbia perso circa 90 milioni di introiti da ascrivere al settore del turismo.

Per quanto riguarda le popolazioni autoctone, invece, si sta già provvedendo a distribuire mascherine agli abitanti e le persone che vivono nelle zone più vicine all’area vulcanica- ed in un raggio di 7,5 km- sono state fatte evacuare. Si parla di circa 25mila persone che adesso si troverebbero in ricoveri temporanei. Considerando tutte le persone evacuate nel corso dell’anno si arriva ad un totale di 39mila persone.

Il vulcano Agung è una delle attrazioni naturalistiche dell’isola di Bali, considerata meta turistiche tra le più gettonate al mondo. La sua attività eruttiva più violenta degli ultimi decenni è stata documentata nel 1963. La colata lavica sgorgata in quell’occasione non distrusse per poco il tempio madre di Besakih, facendo gridare al miracolo tutti i fedeli. Il vulcano, che rappresenta la vetta più alta dell’isola, secondo i balinesi sarebbe un reiterazione del monte Meru, considerato l’asse centrale dell’universo secondo diverse religioni orientali.

Maria Mento