Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Omicidio Loris, arriva la conferma del procuratore generale

Omicidio Loris, arriva la conferma del procuratore generale

Si è conclusa oggi la seconda udienza riguardante il processo d’appello nei confronti di Veronica Panarelo, la donna ragusana condannata all’ergastolo nell’ottobre del 2016 per l’omicidio e l’occultamento del cadavere del piccolo Loris. La donna sostiene di non essere colpevole della morte del figlio ed accusa il suocero Andrea Stival con il quale sostiene di aver avuto, all’epoca dei fatti, una relazione segreta.

Pertanto i legali della donna hanno chiesto la riapertura delle indagini al fine di far riesaminare le prove che hanno portato alla colpevolezza di Veronica Panarello. L’ipotesi della riapertura delle indagini è stata però rigettata dal procuratore generale Maria Aschettino, la quale ha chiesto al Gup la conferma della condanna all’ergastolo comminata in primo grado.

La ferma opposizione del procuratore generale è dovuta all’assenza di prove concrete per scagionare la donna ( la versione dei fatti raccontata non combacia con le prove ottenute attraverso l’esame delle immagini delle telecamere di sicurezza) che è accusata di aver strangolato il figlio con delle fascette da elettricista ed averlo buttato in un canalone poco fuori Santa Croce Camerina (Ragusa). L’opposizione alla riapertura delle indagini verrà vagliata dal magistrato e la decisione verrà comunicata al termina della prossima udienza (sempre a porte chiuse) prevista per il prossimo 15 febbraio 2018.