Home Tempi Postmoderni Scienze Alzheimer, una compressa potrebbe guarire dalla malattia in appena nove mesi

Alzheimer, una compressa potrebbe guarire dalla malattia in appena nove mesi

Una grande scoperta che potrebbe far fare un deciso passo avanti agli scienziati verso una cura nei confronti dell’Alzheimer.

Si tratta di una compressa, nota come LMTX, da assumere due volte al giorno, che migliorerebbe in modo significativo le lesioni cerebrali dei soggetti affetti da demenza, riportandole ad un livello simile alle persone sane in un tempo di appena nove mesi.

Il principale autore, il professor Gordon Wilcock dell’Università di Oxford, ha dichiarato a MailOnline: “Non ho mai visto una tale guarigione cerebrale prima di un trattamento farmacologico”.

LMTX, che è attualmente sotto indagine, migliora significativamente anche le capacità dei pazienti di svolgere attività quotidiane come fare il bagno e vestirsi, aumentando allo stesso tempo le loro capacità di nominare correttamente gli oggetti e ricordare la data.

Stando a quanto sostenuto dalla casa produttrice, la TauRx Pharmaceuticals, il farmaco contiene una sostanza chimica che dissolve i “grovigli” proteici nel cervello, che si aggregano per formare placche nella regione associata alla memoria.

“Dissolvere questi grovigli e prevenire la formazione di nuove placche può rallentare o addirittura fermare la perdita di memoria nei malati di demenza”, aggiunge la compagnia farmaceutica.

L’Alzheimer è una malattia che colpisce circa 850.000 persone nel Regno Unito e 5,5 milioni negli Stati Uniti.