Home Lifestyle Il Prosecco rovina i denti? secondo gli inglesi si. Il nuovo studio...

Il Prosecco rovina i denti? secondo gli inglesi si. Il nuovo studio e le immagini shock

dente rovinato dal prosecco
dente rovinato dal prosecco

Sono immagini a dir poco shoccanti, quelle diffuse sul web che mostrano i potenziali effetti devastanti del Prosecco sui denti. Il test è stato effettuato da alcuni esperti della Oral Health Foundation, nel Regno Unito, che hanno lasciato alcuni molari ed incisivi umani, sani, nello spumante italiano per quattordici giorni. Le immagini realizzate mostrano gli incredibili effetti che il prosecco può avere sui denti, trasformandoli in polvere simile al gesso o facendoli marcire.

 

E’ la conseguenza di una tripla minaccia legata a questo vino, dalle bolle acide all’alcol presente fino all’alto contenuto di zucchero; dato l’incremento nelle vendite di questa bevanda nel Regno Unito, solo in Italia se ne bevono maggiori quantità, si è deciso di indagarne meglio gli effetti, tanto più in un periodo, le festività natalizie, nel quale i consumi di vino tendono sempre a crescere. Il dottor Ben Atkins ha dichiarato, in un’intervista al Daily Mail: “se dovessi prendere in mano il dente, probabilmente si ridurrebbe in una polvere simile al gesso nella mia mano. Questo potrebbe rivelarsi estremamente doloroso, rendendo necessario un intervento immediato di restauro o estrazione. L’elevato contenuto di zuccheri e acidi del prosecco – ha aggiunto – colpisce chi lo beve con un doppio danno, di erosione e decadenza”.

 

Insomma effetti simili a quelli provocati dalla Cola, che come emerso da diversi test se assunta con costanza ha conseguenze ‘estreme’ sui denti. Occorre però sottolineare che con la parola Prosecco si identifica un’enorme quantità di vini prodotti da centinaia di aziende, e che le dosi di zuccheri utilizzate, da parte di chi lo produce con serietà e senza puntare alla quantità del prodotto venduto, quanto piuttosto alla qualità, non sono pericolose; a differenza invece di chi tende ad esagerare con gli zuccheri, per risparmiare sui costi ed incrementare i guadagni. Lo studio infatti non evidenzia quale tipo di Prosecco sia stato preso in esame.