Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Uccise a colpi di fucile un ladro: condannato a nove anni e 4 mesi di carcere. “Fu omicidio volontario”

CONDIVIDI

La Corte d’Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi Mirco Franzoni, il 33enne che, nella sera del 14 dicembre del 2013, ha sparato ad un ladro per strada.
L’uomo, accusato di omicidio volontario ed ora condannato in primo grado, avrebbe sparato ed ucciso ad un ladro albanese, Eduard Ndoj, che era appena entrato nell’abitazione del fratello. Il fatto era avvenuto a Serle, provincia di Brescia.

Franzoni scese in strada e gli sparò un colpo di fucile ravvicinato, uccidendolo sul colpo.
Il Pm aveva chiesto 16 anni per omicidio volontario. Nel corso del processo, Franzoni aveva sempre sostenuto che il colpo di fucile gli era partito in modo del tutto accidentale, ma non è stato creduto.

“Se i carabinieri fossero stati chiamati, oggi non saremmo qui a discutere di omicidio volontario, ma di un semplice processo per furto” aveva detto il pm Kati Bressanelli davanti alla Corte d’Assise nel corso del processo.
“Il sottofondo di questa vicenda è chiaro: la vittima è un ladro e chi ha sparato è un bravo ragazzo. La legge vieta il furto, ma anche di uccidere” aveva detto il Pm. Inoltre il PM ha anche sostenuto di non aver “mai pensato che Franzoni sia uscito di casa con l’intenzione di uccidere, ma che si sia trattato solo di un impeto”.

R.M.