Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Credeva avesse abortito, 32enne albanese sgozza sua moglie

CONDIVIDI

Un uomo ha ammesso di aver ucciso sua moglie tagliandole la gola solo perché pensava che mentisse sul fatto di essere vergine al momento del loro incontro. Arben Rexha ha aggredito Elidona Demiraj a Graham Street, nel borgo londinese di Islington. Il fatto è avvenuto nel gennaio dello scorso anno.

L’aggressione è stata così brutale che il 32enne albanese ha quasi decapitato Elidona, 25 anni. L’omicidio è avvenuto tre mesi dopo il suo trasferimento nel Regno Unito dall’Albania. Rexha era convinto che sua moglie avesse abortito durante una precedente relazione. “Era stata con lui, erano sposati e vivevano insieme – ha detto il procuratore Richard Christie – un matrimonio combinato è stato completato ed è per questo che è venuta qui”.

Il pubblico ministero ha detto che al momento della morte della donna, i due vivevano insieme da 12 settimane.

“L’uomo pensava che la sua donna vedesse qualcun altro e questo lo ha reso geloso“, ha detto il pubblico ministero. Rexha ha detto alla polizia della sua ossessione per le precedenti relazioni di Elidona, e ha confessato di essere convinto che la donna avesse avuto un aborto. Ha anche detto loro che pensava fosse stata violentata da un altro uomo.

Il corpo di Elidona è stato trovato sul letto della coppia, con diverse coltellate al collo e alle braccia.