Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Selfie indigna gli animalisti: la Carrefour si dissocia

CONDIVIDI

Due banconiste della macelleria  che si trova all’interno del Carrefour di via Tomei a Tivoli, almeno secondo le affermazioni di alcuni utenti social che hanno riconosciuto le donne, hanno pensato bene di allentare lo stress delle giornate lavorative precedenti alle festività con un atto di sadismo: le due donne, infatti, dopo aver macellato un agnellino hanno pensato bene di mettergli un ciuccio in bocca e di scattarsi un selfie. La bravata deve averle divertite, così qualche giorno dopo hanno concesso un bis questa volta con la carcassa di un maialino.

Le foto in questione, non si sa in che modo, sono pervenute in rete suscitando la reazione sdegnata degli animalisti che da quel momento stanno assiepando la pagina Facebook della catena di supermercati francese con insulti e frasi di sdegno. Il primo a portare all’attenzione dei social la mancanza di sensibilità delle due banconiste è stato Rinaldo Sidoli, responsabile centro studi Movimento animalista, che sul proprio profilo ha scritto: “Natale dovrebbe essere una rinascita interiore in cui si celebra il valore della vita. Ridicolizzare un cucciolo morto non è un itinerario d’amore, è un insulto alla dignità degli animali e alla morale di chi crede nella sacralità della nascita. Mi auguro che arrivi una nota di scuse per questo massaggio macabro del vostro punto vendita”.

La nota ha scatenato un vero e proprio vespaio con tutte le associazioni in difesa degli animali pronte a ribadire lo sdegno per quanto accaduto e con migliaia di clienti inviperiti che hanno accusato l’azienda di permettere simili comportamenti. Data la situazione Carrefour Italia non ha potuto far altro che rispondere alle accuse, spiegando che è già stata aperta un’indagine interna: “Comunichiamo di aver immediatamente avviato un’indagine interna per chiarire quanto accaduto e poter prendere i dovuti provvedimenti. Carrefour Italia prende le distanze e condanna fermamente atti di tale gravità”.