Home Spettacolo Musica

“Ho rischiato di morire”: la rivelazione della famosa popstar

CONDIVIDI
bono vox taylor swift
bono vox taylor swift

La vita degli artisti di fama mondiale non è, a dispetto dei lauti guadagni, tutta rose e fiori e c’è chi, come una popstar amatissima dal pubblico, ha addirittura rischiato la vita. Si tratta di Bono Vox, arcinoto frontman degli U2 che, in un’intervista rilasciata per l’ultimo numero di Rolling Stones ha rivelato, ‘ho rischiato di morire’, prima di addentrarsi nel merito della vicenda che risalirebbe allo scorso anno. Bono ha spiegato che quanto accaduto lo ha molto spaventato. “Non ero in grado di parlare e nemmeno di spiegare – ha sottolineato – mi sentivo come soffocare”, ma Vox ha aggiunto di non averne voluto parlare fino ad oggi per una ragione ben precisa, evitare di trasformare la vicenda in una “soap opera, come fanno molte star..”.

 

Poco si è saputo infatti in merito a quanto gli è accaduto tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 proprio perchè Bono ha preferito non scendere nei dettagli. Nel corso dell’intervista ha spiegato: “Ho avuto alcuni incidenti shock nel corso della mia vita, anche una brutta una caduta in bicicletta recentemente… Le persone hanno questi episodi che li portano vicini alla morte e che possono essere di natura psicologica o fisica. E sì, per me è stata di natura fisica – ha confermato – Ma fortunatamente sono riuscito a risparmiarmi tutta quella parte di soap opera che è comune a molte celebrities”. Il leader della super band degli U2 ha aggiunto che grazie al rapido ed oculato intervento dei medici gli è andata bene e ha evitato il peggio.

 

Ed elogiando il loro operato ha poi ammesso: “Non tutti possono usufruire della mia stessa assistenza medica. In molti hanno dovuto affrontare problemi molto più gravi di me..”. L’aver sfiorato la morte ha sicuramente influenzato l’attività creativa dell’artista dal momento che il nuovo album ‘Songs of Experience’, quattordicesimo disco del gruppo pubblicato lo scorso 1 dicembre, ha tra i suoi temi portanti proprio la morte e la mortalità.

Daniele Orlandi