Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Gli hooligans ai Mondiali di calcio di Russia 2018? Putin ha un’arma...

Gli hooligans ai Mondiali di calcio di Russia 2018? Putin ha un’arma per fermarli

Si stanno già scaldando i motori in vista dei Mondiali di calcio di Russia 2018 e la Russia è il primo Paese- in quanto ospite– a desiderare che tutto si svolga per il verso giusto. Proprio per questo, l’organizzazione dell’evento (di concerto con altri organismi statali) ha messo appunto una strategia che dovrebbe essere valida per fermare i tanto temuti hooligans, ovvero i tifosi violenti.

Si tratta dell’utilizzo di un particolare furgone militare anti sommossa, che potrà ospitare al suo interno ben 38 agenti specializzati. Il furgone è stato costruito per adattarsi a qualsiasi tipo di strada, e per resistere al fuoco ed ai proiettili. Tutte le specifiche del mezzo non sono ancora state rese note, ma si tratterebbe di una vera e propria corazzata dal peso di 18 tonnellate e molto simile al veicolo chiamato “Bozena Riot”. È stato proprio Putin a dichiarare che il mezzo verrà impiegato per contrastare gli hooligans.

Il furgone è stato progettato dal più importante produttore di armi della Russia: Kalashnikov Concern. La decisione di fornirsi con questo mezzo è arrivato soprattutto dopo gli eventi di Marsiglia. Qui, nel 2016, nel corso degli Europei di Francia, ci fu un durissimo scontro tra gli hooligans inglesi e quelli russi. Questi ultimi sono ritenuti più pericolosi addirittura di quelli inglesi.

A questo proposito, si era espresso anche Mark Roberts, colui che coordinerà le operazioni della polizia inglese ai campionati mondiali. Roberts sosteneva che: “Gli hooligan russi sono molto violenti e non siamo sicuri che le autorità locali prendano sul serio il problema, il nostro avvertimento è di evitare ogni forma di provocazione.”.

Vladimir Putin e tutta l’organizzazione, invece, sembrano aver preso seriamente il problema degli hooligans e di essersi organizzati di conseguenza. Il Presidente avrebbe dato altre disposizioni per favorire la massima sicurezza durante lo svolgimento dei mondiali, tra cui quelle di vietare il volo aereo intorno agli stadi, di separare i gruppi di tifosi potenzialmente pericolosi, di imporre importanti restrizioni nella vendita di armi e di alcolici, e di vietare il movimento navale nelle città che ospitano le partite e che sono dotate di un porto e di chiudere le tratte che prevedano lo spostamento, con veicoli, delle squadre che giocheranno il mondiale.

Maria Mento