Home Notizie dal territorio Napoli, per aprire il 2018 con il botto arriva la bomba “Kim...

Napoli, per aprire il 2018 con il botto arriva la bomba “Kim ‘o coreano”: può distruggere auto e palazzi

A Napoli e dintorni (ma anche in Lazio e Calabria, purtroppo) molti di  coloro che si preparano a festeggiare con il botto l’arrivo del nuovo anno si sono lanciati nell’affannosa ricerca della bomba denominata “Kim ‘o coreano”. Si tratta dell’ordigno illegale più ricercato di questa fine dell’anno 2017 e dovrebbe essere una bomba- dalla forma di un razzo– la cui potenza dovrebbe impressionare già a partire dal nome, che fa da parodia al minaccioso e bellicoso dittatore coreano Kim Jong-un.

Sugli effetti devastanti della bomba “Kim ‘o coreano” non c’è assolutamente da scherzare, e già le Forze dell’Ordine si sono date da fare per stroncare più vendite illegali possibili. Si stima che l’ordigno di cui vi stiamo parlando possa distruggere un’automobile o provocare dei danni importanti alla struttura di uno stabile. Gli artificieri che hanno avuto modo di studiare la composizione degli ordigni confiscati parlano di diversi chili di miscela esplodente utilizzati per comporre un singolo esemplare di “Kim ‘o coreano”.

Naturalmente, la vendita di “Kim ‘o coreano” non avviene così facilmente, alla luce del sole. La bomba si deve esplicitamente richiedere ai rivenditori specializzati di botti e si deve essere disposti a spendere una cifra considerevole che si aggira intorno alle centinaia di euro. Dalla potenza sicuramente meno devastante, ma egualmente pericoloso in quanto per spararlo si deve usare un mortaio, è un altro ordigno denominato “Hamsik17”, in onore del calciatore del Napoli.

“Hamsik 17” è prodotto- insieme al “razzo Mertens”- in quantità di molto superiori rispetto alla bomba “Kim ‘o coreano”, ma la sua vendita sarebbe circosritta all’area di Napoli e provincia. Di sicuro, molti esemplari di “Kim ‘o coreano” saranno già finiti nelle mani sbagliate e le forze dell’Ordine stanno compiendo una corsa contro il tempo per cercare di requisire più ordigni possibili e di sventare esplosioni mortali.

Maria Mento