Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Il dramma di Laura Plummer, arrestata in vacanza per un antidolorifico

CONDIVIDI

Andata in vacanza in Egitto nel periodo natalizio per due settimane di relax, la cittadina britannica Laura Plummer ha portato con se degli antidolorifici che prende saltuariamente, in caso ne avesse bisogno. La ragazza non era a conoscenza che quel tipo di medicinale era vietato nel Paese africano e lo ha scoperto solamente quando, dopo un controllo, è stata arrestata per detenzione di sostanza illegale.

Portata inizialmente nel carcere di Hurgada su richiesta d’appello del suo avvocato, dopo essere stata condannata a 3 anni di reclusione, lo scorso sabato è stata spostata nel carcere di Al Qanater a Il Cairo. La prigione è nota per il trattamento riservato ai suoi detenuti: spesso questi vengono colpiti con un pungolo per bestiame e quotidianamente vengono sottoposti a perquisizioni umilianti. Se questo non bastasse, anche le condizioni del carcere sono terrificanti: Laura si trova in una piccola cella infestata da blatte, insieme ad un numero imprecisato di altre detenute.

La situazione è molto dura per la turista britannica che non ha a disposizione né mezzi d’informazione né la possibilità di contattare i propri parenti. A raccontare quanto sta succedendo alla sorella è Jayne Synclair: “Eravamo tutti terrorizzati. Nessuno sapeva che era stata trasferita. Abbiamo chiamato di domenica e ci hanno riferito che era stata portata a Il Cairo. Nessuno l’ha vista da quando è stata condannata e siamo spaventati per lei. Non sappiamo cosa possa accadere da un giorno all’altro e questo ci causa un forte stress. Stiamo vivendo la condanna con lei”.