Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Rara malattia scambiata per abusi: polizia porta via il figlio ai genitori

Rara malattia scambiata per abusi: polizia porta via il figlio ai genitori

bimbo con patologia rara
bimbo con patologia rara

Marchiati come genitori violenti dalla polizia. Ha dell’assurdo quanto accaduto a Gina Hodgkins e al compagno Joshua Sparks, che si sono visti portare via il bambino, Teddy, dalle autorità che hanno scambiato la rara condizione genetica di cui soffre per abusi. Al piccolo è stata diagnosticata la sindrome di Ehlers-Danlos, che porta alla formazione di lividi e altri segni su tutto il corpo simili a quelli che compaiono se un bambino è oggetto di violenze. Gina, 25 anni, ha voluto render nota la sua storia per aumentnare la consapevolezza dell’opinione pubblica sull’esistenza di questa condizione, aggiungendo che nessuno le restituirà i cinque mesi peersi con Teddy e la sorella maggiore Amelia, dopo che entrambe sono stati sottratti ai genitori e dati in affidamento. “Mio figlio e mia figlia mi sono stati portati via, ma io non ho fatto nulla di sbagliato – ha raccontato a Femail – ho perso cinque mesi di vita con loro in un periodo formativo di fondamentale importanza e non potrò mai riaverlo indietro”. Teddy è uno dei 5000 bambini che soffrono di Eds e secondo quanto emerso, almeno 250 genitori di bambini che ne soffrono sono stati erroneamente accusati di abusi.

 

L’incubo di Gina è iniziato poche settimane dopo la nascita di Teddy all’ospedale Epsom: sei settimane più tardi sul volto del bimbo erano ancora presenti diversi lividi; notandoli, un dottore della clinica nella quale ha portato il bambino perchè fosse pesato, ha contattato i servizi sociali e la polizia. Un’ora dopo sono giunti, a casa della donna, due assistenti sociali e sette poliziotti in borghese. “Quando sono arrivati ero sul divano con Teddy addormentato. L’ufficiale donna mi ha chiesto di girarlo perchè potesse vederlo e non appena ha osservato la sua faccia mi ha detto che ero in arresto con l’accusa di sospetti abusi”. Il compagno, furioso, ha cercato di intervenire ma nulla hanno potuto fare: “non volevamo piangere di fronte ai bambini, ma dentro eravamo distrutti”.

bimbo con malattia
bimbo con malattia

Si sono recati in ospedale per ulteriori esami su Teddy ma, nonostante abbiano ripetutamente dichiarato la loro innocenza, sono stati arrestati entrambe. Per le prime due settimane è stato loro vietato di vedere i figli, che si trovavano in pronto soccorso, ma anche qualsiasi altro minore sotto i 16 anni, nipoti compresi. Poi hanno potuto vederli un’ora alla settimana, sotto stretta supervisione. A quel punto hanno chiesto di poter sottoporre Teddy a dei test per l’Eds ricordando che c’era una storia familiare di lividi sul volto e sul corpo. Ma nonostante questa scoperta hanno dovuto pazientemente attendere altre quattro settimane: solo il 25 gennaio i servizi sociali hanno dichiarato chiuso il caso e Gina e Joshua hanno potuto ricongiungersi ai loro figli. La piccola Amelia, 8 anni, vive però ancora nella preoccupazione di essere portata via di nuovo.

Daniele Orlandi