Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Massacrata con 29 coltellate, dopo un anno arriva la sentenza choc

Massacrata con 29 coltellate, dopo un anno arriva la sentenza choc

Nessuna efferatezza d’animo“, queste le motivazioni del gup di Milano, Livio Cristofano, che esclude così l’aggravante a carico di Luigi Messina, che uccise la moglie con 29 coltellate, condannandolo così a “soli” 18 anni di carcere per omicidio volontario.

La consecuzione ossessiva dei colpi” è stato l’effetto di “un raptus e di una deflagrazione emotiva incontrollabile, piuttosto che la realizzazione di un deliberato intento di arrecare sofferenze aggiuntive alla propria consorte“.

Il delitto, avvenuto il 15 Gennaio dello scorso anno, vedeva protagonista Luigi Messina e Rosanna Belvisi, tornati insieme da una vacanza a Pantelleria. Una mattina tranquilla si trasformerà in un giorno da incubo quando, durante una violenta lite tra i due, l’uomo prenderà un coltello sferrando 29 coltellate alla moglie. In seguito l’uomo, per crearsi un alibi, è uscito a comprare dei babà e poi aveva giocato e vinto alle slot machine.

L’uomo verrà così arrestato e processato, ma la condanna a 30 di reclusione richiesta dal pm Gaetano Ruta è stata respinta e trasformata in 18 anni proprio a causa dell’esclusione dell’aggravante della crudeltà.

Daniele Barelli, legale di Luigi Messina, ha inoltre presentato ricorso in appello chiedendo di riconoscere le attenuanti generiche perché l’uomo, confessando, “ha apportato un grande contributo alle indagini“.

Mario Barba