Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

“Ti porto alla maturità con voti alti” e chiedeva prestazioni particolari alle proprie studentesse

CONDIVIDI

Come capita – un po’ troppo spesso – di leggere sui nostri giornali, ancora una volta un professore s’è macchiato di uno dei comporamenti più squallidi e deprecabili immaginabili per un educatore: in cambio di promesse legate ai risultati scolastici, il professore in questione intratteneva con le proprie studentesse (delle adolescenti) rapporti quantomeno particolari.

Stavolta ad essere accusato di questo comportamento tutt’altro che irreprensibile è stato un professore liceale 50enne di Treviso, indagato per atti sessuali con minorenne: a far scattare l’accusa, che ha portato la polizia a perquisire l’abitazione del professore 50enne (costretto prima all’aspettativa e poi alle dimissioni), i genitori di una sua studentessa 16enne, sul cui smartphone la madre avrebbe trovato messaggi espliciti e foto altrettanto esplicite inviate al professore

Ai margini della perquisizione, le forze dell’ordine hanno anche sequestrato lo smartphone del professore, scoprendo un universo: sarebbero stati molteplici le studentesse che si sarebbero prestate a questo tipo di rapporto col proprio insegnante (tra di esse anche una 19enne, con cui l’uomo aveva una sorta di rapporto ufficiale. Peccato che il professore, frattanto, fosse sposato) e, tornando indietro negli anni scolastici, altre studentesse ancora avrebbero ricevuto lo stesso trattamento (altre due ex allieve si sarebbero presentate in questura per raccontare la propria vicenda, pur non presentando denuncia).