Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

“Meglio noi che qualche maniaco”: così s’è giustificata coppia che abusava della figlia 12enne

CONDIVIDI

Una coppia di genitori russi è accusata di aver abusato sessualmente della figlia dodicenne per anni. La terrificante pratica è stata scoperta durante una visita ginecologica alla bambina: il medico stava cercando di capire per quale motivo non le venisse il ciclo ed ha scoperto, con sua grande sorpresa, che non era vergine. Il medico ha quindi chiesto alla dodicenne con chi avesse avuto rapporti sessuali e questa, dopo essere scoppiata in lacrime, ha confessato gli abusi subiti.

In seguito alla confessione della ragazzina, la polizia ha arrestato la coppia che ora è detenuta nella prigione di Volgograd in attesa del processo. Ciò che è emerso durante l’interrogatorio dei due coniugi (entrambi 35enni) è inquietante: il padre era solito stuprare la figlia nello stesso letto in cui dormiva la moglie e questa, totalmente d’accordo con la pratica, si divertiva a fare lo stesso con l’ausilio di uno strapon (una cintura con un pene finto). Ma se il racconto di queste pratiche lascia disgustati, quanto dichiarato dalla madre a riguardo è forse ancora peggio: “Eravamo d’accordo ad allenarla per la vita da adulta. Meglio noi che qualche maniaco”.

L’ammissione di colpevolezza dovrebbe bastare per convincere il giudice ad incriminare la coppia per torture e stupro di minore, reati che varrebbero una condanna a 20 anni di carcere. In attesa della sentenza i servizi sociali hanno tolto la patria potestà alla coppia ed affidato la ragazzina ad un istituto che si occuperà di trovarle dei genitori adottivi.

F.S.