Home Tempi Postmoderni “Tornatene nella tua fottuta giungla”: le offese ad un italiano in Inghilterra...

“Tornatene nella tua fottuta giungla”: le offese ad un italiano in Inghilterra – VIDEO

“I migranti devono rispettare le leggi, le tradizioni ed i costumi del Paese che li ospita”, queste parole sono rimbalzate sui titoli di tutti i giornali nazionali ed internazionali poiché a pronunciarle è stato il papa. In quel discorso viene fatto presente come anche la comunità che accoglie deve rispettare l’umanità e la persona che sceglie di cambiare Paese per permettergli di abbassare le difese ed integrarsi.

Questo discorso sull’ospitalità è talmente semplice e vero che trascende la questione religiosa perché è una questione di semplice buon senso. Chi ha letto quelle parole ha potuto pensare che il discorso era valido solamente per i migranti africani che giungono ogni giorno in Italia, ma il discorso ha un respiro più ampio e riguarda chiunque, per un motivo o per un altro, è costretto a lasciare la propria nazione per cercare fortuna in un’altra.

Gli italiani in particolare dovrebbero sentirsi toccati da un simile discorso perché nel nostro dna è presente anche il gene della migrazione. Per tutto il XX secolo gli italiani hanno viaggiato in tutto il mondo in cerca di fortuna formando delle comunità intere in Nord e Sud America, in Francia, Germania e Inghilterra. La situazione non è tanto differente in questi giorni in cui migliaia di ragazzi lasciano l’Italia in cerca di fortuna.

Sbaglia chi pensa che per noi (inteso come popolo) la situazione all’estero sia più semplice e a dimostrarlo c’è un video girato sulla metro di Londra e pubblicato sulla pagina Facebook ‘Londres 24 Horas‘ in cui un uomo, evidentemente pro Brexit, insulta un cittadino italiano invitandolo a tornare al suo “fo..o Paese”. Nel video si vedono molte persone che solidarizzano con il giovane e cercano di fare calmare l’uomo, ma alla fine il ragazzo è costretto a spostarsi ed in quel momento l’uomo, non contento, aggiunge: “Torna nella tua me..a giungla”. Il video è diventato virale e molti utenti italiani su Facebook lo condividono sgomenti, ma ad alcuni di essi la scena dovrebbe portare alla mente qualche ricordo.

F.S.