Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca “Non fu un incidente”. Girolamo ucciso a 24 anni su ordine della...

“Non fu un incidente”. Girolamo ucciso a 24 anni su ordine della suocera, il motivo è sconvolgente 

Girolamo Perrone non è morto in un tragico incidente casuale, come sembrava a prima vista. Il giovane barese sarebbe stato ucciso con un piano diabolico architettato da chi solo 24 ore prima era diventata sua suocera, per intascare i soldi dell’assicurazione.

Girolamo Perrone, 24 anni e appena sposato, sarebbe stato ucciso in un incidente stradale architettato dalla suocera, Anna Masciopinto, assieme al fratellastro Vito D’Addabo e al pregiudicato Rocco Michele Caringella. I tre, poi, avrebbero diviso i proventi del risarcimento dalla compagnia di assicurazione, che sarebbe spettato alla vedova.
La Procura di Bari giovedì 18 gennaio ha fatto arrestare Masciopinto, il D’Addabbo e Caringella per concorso in omicidio premeditato. Per gli inquirenti nel drammatico incidente dove era rimasto coinvolto il 24enne appena sposato c’erano troppe anomalie.

Il 24enne era stato investito da D’Addabbo alle 23 del 5 ottobre 2016. “Ho investito un uomo che è sbucato dalle campagne” aveva detto l’uomo ai soccorsi. Ma gli inquirenti notano subito che qualcosa nell’incidente non quadra. Girolamo non morì sul colpo ma dopo 5 giorni di agonia. C’erano cose che non quadravano, del tipo cosa ci facesse in quella zona il 24enne, e anche la data in cui D’Addabbo stipulò l’assicurazione. Un complotto per eliminare il giovane e per intascare l’ingente proventi dell’assicurazione.

R.M.