Home Spettacolo Ligabue dalla Toffanin si confessa: “Vi racconto cosa sognavo da bambino”

Ligabue dalla Toffanin si confessa: “Vi racconto cosa sognavo da bambino”

“Da bambino volevo fare l’attore. Dopodiché nella vita ho capito che è una cosa per la quale non sono proprio portato, non so recitare. Eventualmente sto meglio dietro la macchina da presa a dirigere gli altri”. Il cantante ha parlato alla Toffanin a Verissimo. Un’intervista a 360°.

Prima di fare il cantante ha fatto molte cose: “Cominciare tardi – prosegue – ha voluto dire partire con un po’ di prudenza. A 20 anni credo che avrei perso facilmente la testa, avrei fatto più stupidaggini di quelle che ho fatto comunque. “Mi sentivo in colpa per il successo che avevo raggiunto, sono andato un po’ in crisi, perché ero abituato a portare a casa 1 milione di vecchie lire al mese, a fare i conti con quelli. Adesso dico: ho successo ma lavoro tanto”.

E sul film di Accorsi chiude: “Mi sento profondamente italiano, amo tantissimo questo paese e non sopporto più tutti i difetti che questo paese non riesce a risolvere. Questo film racconta, tra le altre cose, il sentimento d’amore, ma anche di frustrazione, verso il nostro paese”.