Home Tempi Postmoderni Scienze

Gli esperti sono sicuri: presto l’apocalisse nucleare

CONDIVIDI

La guerra nucleare apocalittica è sempre più vicina, secondo quanto detto dagli specialisti. Il tempo di attesa fatto segnare dal Doomsday Clock, il cosiddetto orologio dell’apocalisse, starebbe per scadere ed il nostro mondo starebbe per arrivare al momento della sua fine. Ma quali sono le motivazioni che spingono gli studiosi a parlare di apocalisse?

Sono diversi fattori quelli che porteranno il nostro pianeta all’autodistruzione, ed ogni anno la previsione degli scienziati in proposito peggiora il suo pronostico. Cambiamenti climatici, ricerca di fonti energetiche sostenibili, pericolo nucleare, e tante altre cause che non fanno altro che aumentare che accelerare le lancette del Doomsday Clock. L’orologio dell’apocalisse- creato nel 1947 dai membri del “Bulletin of the Atomic Scientists” di Chicago– misura il tempo che ci separa dalla mezzanotte, cioè metaforicamente dal momento in cui la terra si autodistruggerà.

Proprio il rischio nucleare, lo stesso rischio che portò alla nascita di questo concetto subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, avrebbe talmente spaventato gli scienziati da far accelerare la loro previsione sul momento della fine del mondo. A preoccupare gli esperti sono soprattutto i comportamenti e le dichiarazioni di Donald Trump.

Già l’anno scorso gli esperti del Bulletin avevano lanciato l’allarme contro la tenuta bellicosa del Presidente degli States (ed indirettamente anche nei confronti di tutti coloro che sono coinvolti in tal senso). La direttrice esecutiva del Bulletin, Rachel Bronson, non ha nominato direttamente Trump ma ha rilasciato delle dichiarazioni eloquenti: “”Il complesso ambiente globale di oggi ha bisogno di risposte politiche deliberate e da prendere in considerazione. È sempre più importante che gli alti dirigenti di tutto il mondo si calmino piuttosto che alimentare le tensioni che potrebbero portare alla guerra, sia per errore che per errori di calcolo”.

Maria Mento