Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Rifanno la strada ma qualcosa non va per il verso giusto:...

Rifanno la strada ma qualcosa non va per il verso giusto: operaio ricoperto da asfalto fuso

Paul Turnbull

Regno Unito. Un operaio è stato gravemente ferito a causa di un incidente avvenuto sul luogo di lavoro, ed il suo caso è finito in tribunale. L’uomo, il 39enne Paul Turnbull, si stava occupando- insieme ad alcuni suoi colleghi- di asfaltare una strada quando è stato sommerso da un carico di asfalto fuso. È successo nei pressi di Longhorsely (Northumberland) nel gennaio del 2016.

Il responsabile di quanto accaduto è il camionista 37enne Fraser Rowand, il quale non si è accorto che il carico del suo mezzo pesante non era stato adeguatamente fissato. Secondo la giuria che lo ha condannato, doveva essere lui a mettere in sicurezza il carico: cosa che evidentemente non aveva fatto nel migliore dei modi. Tredici tralicci hanno così ceduto facendo crollare il carico di asfalto fuso su Turnbull. Il camion, in quel momento, stava attraversando i cancelli di un parcheggio di caravan. Qui la vittima ed i suoi colleghi stavano lavorando.

Turnbull è rimasto schiacciato dall’asfalto fuso per circa 30 secondi, indubbiamente i secondi più lunghi della sua vita. Quando è stato tirato fuori è stato trasportato d’urgenza alla Royal Victoria Infirmary di Newcastle. Le sue condizioni sono apparse da subito molto gravi: spalle rotte, ustioni su molte zone del corpo e paralisi permanente dalla vita in giù.

Oggi Paul Turnbull è costretto su una sedia a rotelle. Le parole dell’uomo sulla sua nuova condizione sono davvero strazianti: “Le cose semplici, come tagliare il prato o portare il cane a fare una passeggiata, sono cose che non potrò mai più godermi. Sento che il mio orgoglio e la mia dignità sono stati strappati via e ora mi affido al sostegno di familiari e amici 24 ore al giorno.”

Il camionista è stato condannato per aver provocato gravi lesioni in seguito a guida pericolosa. La pena che gli è stata inflitta, tuttavia, non rende totalmente giustizia alla vittima: 20 mesi di reclusione (pena sospesa per due anni), 210 ore di lavoro non retribuito e divieto di guida per tre anni. In proposito, il giudice Earl ha detto: “Spero e prego che il signor Turnbull comprenda appieno che non c’è una sentenza che possa mai compensarlo per i suoi passati, presenti o futuri dolore e sofferenza”.

Maria Mento