Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Ultime Notizie di Cronaca Estera

Fanatico nazista prepara un massacro: “ucciderò tutti i gay”

0
CONDIVIDI
tentata strage
tentata strage

Il fanatismo razzista non solo in Italia. Dopo il caso di Macerata e l’arresto di Luca Traini, colpevole di aver sparato da un’auto colpendo, a caso, immigrati di colore nelle vie cittadine, un altro simpatizzante nazista è stato recentemente riconosciuto colpevole di aver pianificato un attacco con un macete in occasione di un evento del Pride Night. La vicenda risale al mese di giugno dello scorso anno quando il simpatizzante nazista Ethan Stables, oggi 20enne, avrebbe fatto ricerche per acquistare e produrre armi, anche da fuoco, prima di essere fermato dalla polizia sulla strada verso il pub nel quale avrebbe voluto compiere una strage.

 

Tutto grazie ad un messaggio da lui postato in un gruppo Facebook di estrema destra nel quale scriveva che stava “andando in guerra” e che “stasera sarà una buona notte, è l’inizio della fine”; la soffiata di un membro di quel gruppo ha portato le autorità ad intervenire subito ed è così scattato l’arresto con successiva condanna per reato di terrore. “Ho sempre saputo che sarebbe finito in prigione”, ha raccontato uno dei suoi ex insegnanti di Barrow, nella Cumbria, contea del nord ovest dell’Inghilterra. L’insegnante, il cui nome non è stato diffuso, lavora presso la Furness Academy dove il ragazzo ha studiato finchè, al decimo anno, è stato espulso. “Stava causando costantemente guai a scuola”, ha raccontato, “e incoraggiava altri alunni a comportarsi in modo scorretto. Non potevo prevedere il terrorismo e razzismo ma sapevo dove sarebbe finito”.

 

Inoltre il professore ha sottolineato che, pur non essendo ‘bravo’ dal punto di vista scolastico, Ethan era capace di “manipolare” altri studenti ed il suo atteggiamento era “spaventoso”. Prima di tentare di compiere il massacro, Stables ha aggiunto, “sto per entrare con un fottuto machete per massacrare ogni singolo gay”. In questi giorni il giovane, che aveva 19 anni quando si è reso responsabile della tentata strage, è stato giudicato colpevole di aver preparato atti terroristici, di aver minacciato di commettere omicidi, oltre che del possesso di una sostanza esplosive. “Reati molto gravi”, ha sottolineato il giudice che, nei prossimi giorni, emetterà la condanna.

Daniele Orlandi