Home Tempi Postmoderni Curiosità

Sanremo, il “plagio” di Fabrizio Moro ed Ermal Meta? L’ultimo di una lunga serie

CONDIVIDI

Il festival di Sanremo è appena cominciato eppure le accuse di plagio sono già molto forti, soprattutto nei confronti della canzone presentata dal duo Ermal Meta e Fabrizio Moro, “Non mi avete fatto niente“.

La canzone, infatti, presenta diverse somiglianze con la canzone “Silenzio“, cantata a due voci da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. La traccia audio è stata, tra l’altro messa, online proprio dalla Rai il 29 Ottobre 2015, in quanto era un brano presentato alle preselezioni di ‘Sanremo Giovani‘.

La Rai, dopo le prime voci riguardanti il plagio, ha rimosso il brano “Silenzio” dal web.

La particolarità di questo plagio, che vi proponiamo con il video in calce, sta nel fatto che il brano di Meta e Moro porta una terza firma: quella di Andrea Febo, che invece risulta essere l’unico autore di “Silenzio”; si tratterebbe così di una sorta di “auto-plagio”.

Ma, quando nel corso di un incontro con alcuni giornalisti, si chiede a Meta come sia nata l’idea della canzone, lui risponde così:

L’idea è partita da Fabrizio. Mi telefonò ad agosto raccontandomi che dopo l’attentato di Manchester la gente gli domandava se avrebbe fatto ugualmente il concerto programmato al Palalottomatica di Roma solo pochi giorni dopo. Quel concerto lo fece, ovviamente. Così come io feci quelli che avevo in programma: annullarli sarebbe stato come darla vinta ai terroristi. Durante quella telefonata, mi disse anche che aveva scritto un ritornello ispirato a quel fatto, e che secondo lui sarebbe stata una buona idea completare la canzone insieme e cantarla a due voci. Ci siamo visti a settembre per scrivere tutte le parti mancanti, poi siamo andati in studio… Il resto è storia nota.”

Mario Barba