Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Facebook: nuovo strumento per confrontare i programmi elettorali, ma mancano diversi partiti

Facebook: nuovo strumento per confrontare i programmi elettorali, ma mancano diversi partiti

punti di vista
punti di vista

Le elezioni sono ormai alle porte e anche Facebook vuole esserne parte attiva con un’iniziativa originale e particolare che ha però diviso il web. Si chiama ‘Punti di Vista’, una sorta di strumento che mostra le posizioni dei dieci partiti che, secondo i principali sondaggi politici elettorali, vanno a superare l’1% delle iintenzioni di voto. Punti di Vista è stato inserito nel news feed del social network e così, una volta ogni tre giorni, viene mostrato nel flusso di notizie di tutti gli utenti di Facebook che lo utilizzano con la lingua italiana. Sono stati gli stessi partiti politici a fornire le informazioni compilando la sezione ‘Temi’ presente nelle rispettive pagine Facebook e caratterizzata da una serie di categorie definite insieme all’International Center on Democracy and Democratization della Luiss e al Censis, il principale centro di ricerche socio-demografiche italiano.

 

L’impegno civico di Mark Zuckerberg non si ferma qui: ‘Punti di Vista’ infatti permette di mettere a confronto le posizioni di dieci partiti politici in merito ai rispettivi programmi elettorali e a questioni chiavi direttamente collegate al voto del prossimo 4 marzzo. Monitorando anche le loro posizioni nel corso delle prossime settimane. E a breve lo strumento di Facebook sarà affiancato dalla funzionalità ‘Candidati’ che aiuterà gli elettori ad entrare in contatto sia con i candidati che con i partiti della loro circoscrizione. Non tutti vedono però di buon occhio il nuovo strumento del social network a causa del fatto che solo dieci partiti sono in esso rappresentati, lasciando fuori numerosi partiti minori, molti dei quali hanno chiesto maggior visibilità anche da parte di Facebook.

Daniele Orlandi