Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Rassegna Stampa 11.2. “Viva le foibe, come sono belle”. Cori choc durante il corteo antifascista a Macerata

CONDIVIDI

“Viva le foibe”. Cori choc durante il corteo antifascista a Macerata
Ieri a Macerata si è tenuta la manifestazione antirazzista con circa 15mila persone. Non sono mancate, nel corso della manifestazione, gruppi di persone che hanno approfittato della massa per cominciare cori beceri che inneggiano alla pulizia etnica ed al massacro nazionalista, come quello avvenuto ai nostri connazionali italiani italiani da parte di Tito.
“quanto è bello far le foibe da Trieste in giù” cantavano sprezzanti alcuni dei manifestanti.
“Cori scandalosi, calpestano morti innocenti e tradiscono gli ideali della Resistenza” ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani.

 

Repubblica interni. Fermati 2 nigeriani. Macerata, sale a tre il numero degli indagati per la morte di Pamela, indagine per omicidio.

Repubblica Interni. Rapina nel Napoletano finisce in dramma: gioielliere spara e uccide uno dei banditi
Altro rapinatore bloccato da agente fuori servizio, un terzo in fuga: tutti avevano il volto coperto da maschere di Carnevale

Il Messaggero interni. Madre e figlia trovate morte in casa, forse sono state uccise

TgCom. Reati fiscali, 18 mesi a Briatore in Appello. Il caso legato al noleggio dello yacht Force Blue, sequestrato dalla GdF nel 2010
Il caso legato al noleggio dello yacht Force Blue, sequestrato dalla GdF nel 2010

Il Messaggero Politica. I diciottenni? Sono scettici. Il 50% verso l’astensione

Il Messaggero Esteri. Giovane arbitro ferita nello spogliatoio: daspo a papà “hooligan”

Il Messaggero Esteri. Usa, 99enne contromano in autostrada uccide due adolescenti: a gennaio gli avevano rinnovato la patente

La Stampa Spettacolo. Meta-Moro sbancano il Festival di Baglioni Meglio e peggio |Ecco perché hanno vinto 

TgCom Tecnologia. Facebook, via ai test per il “non mi piace”: segnalerà i commenti inadeguati
E’ la prima volta che il social network testa una funzione di questo tipo. Al momento è abilitata a un piccolo gruppo di utenti negli Usa