Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Stuprata mentre era in overdose: ancora una terribile violenza di genere simile a quella di Pamela

CONDIVIDI

Alyssa Mae NocedaWashington. Sarebbe proprio il caso di dire non solo Pamela e non solo in Italia. La storia, atroce, che vi stiamo raccontare riguarda la giovanissima Alyssa Mae Noceda, 18 anni, che ha trovato la morte in modo orribile nel Distretto di Washington ed in modo molto similare a quello della nostra Pamela Mastropietro.

La ragazza, studentessa presso la Mariner High School, ha incontrato sulla sua strada un giovane uomo quasi suo coetaneo, Brian Roberto Varela (19 anni), che non ha esitato ad abusare di lei mentre versava in stato di incoscienza, senza prestarle il minimo soccorso. La giovane è morta e quello che ha in seguito fatto Varela è a dir poco sconcertante.

Alyssa Mae Noceda, che aveva da poco rotto con il suo fidanzato, ha incontrato il suo aguzzino ad una festa. Qui Brian Roberto Varela l’ha convinta a seguirlo a casa sua, dove si è consumata la tragedia: l’uomo le ha somministrato un potente mix di droghe che l’hanno mandata in overdose.

A questo è seguito lo stupro. La diciannovenne non ce l’ha fatta ed è morta per overdose. Il giorno dopo Varela, accortosi che la giovane era morta, le ha spezzato le gambe, l’ha nascosta in un bidone di plastica che avrebbe dovuto seppellire ricoprendo il corpo di cipolle. Le dichiarazioni dell’uomo, che avrebbe anche filmato la violenza, sono sconvolgenti: «Volevo portarla in ospedale ma ero troppo stanco e volevo dormire», ha rivelato, continuando con un «La sto distruggendo per passare il tempo».

Il killer si è vantato delle sua azioni con i suoi amici che ha raggiunto dopo aver occultato il corpo della ragazza. Proprio queste persone hanno permesso, segnalandolo alle autorità, che venisse arrestato per questo crimine efferato. Tra le atroci cose dette da Varela ci sarebbe anche un’ammissione molto forte: l’uomo ha stuprato la ragazza ma non sapeva nemmeno lui se in quel momento fosse ancora viva o fosse già morta.

Maria Mento