Home Televisione Un mito degli anni ’90 ignorato a Sanremo, i social si scatenano

Un mito degli anni ’90 ignorato a Sanremo, i social si scatenano

sanremo 2018
sanremo 2018

Un’esibizione emozionante ma non senza qualche polemica-social, quella di un quartetto d’eccezione a Sanremo. Sul palco del teatro Ariston, accanto al direttore artistico e conduttore Claudio Baglioni sono arrivati Francesco Renga, Nek e Max Pezzali per cantare tutti insieme il celebre brano ‘Strada facendo’. Una performance inedita e molto particolare. Ma in molti, tra telespettatori e pubblico dei social, hanno notato che qualcosa non è forse andato proprio per il verso giusto; Max Pezzali è parso fin da subito visibilmente in imbarazzo ed un po’ impacciato, una caratteristica questa che lo contraddistingue e per la quale è molto stimato e appprezzato dai suoi fan ma che questa sera è risaltata più del solito, in contrapposizione con lo stato d’animo più rilassato di Nek e Renga, a proprio agio sul palco.

 

Ma nel corso dell‘esecuzione del brano, suddiviso in modo tale che vi fossero anche strofe cantate da un singolo artista, l’ex 883 non ha mai avuto spazio per il solo, limitandosi ai cori del ritornello e ad un breve momento in coppia con Nek. Scarsissimi anche gli accenni alla sua presenza da parte di Baglioni e nessuna stretta di mano di Michelle Hunziker, intervenuta sul palco a canzone conclusa per salutare e complimentarsi con Renga, annunciando che sarà uno dei prossimi giudici di The Voice. Sui social la scarsa presenza di Pezzali sul palco non è certamente passata inosservata ed in molti si sono domandati la ragione. C’è anche chi ha criticato Baglioni per aver mal suddiviso le parti cantate, gran parti delle quali riservate proprio a lui. “Ha fatto solo presenza 😂😂😂😂 #MaxPezzali”, scrive un utente su Twitter, seguito da altri commenti analogi quali, “Brutto dirlo ma se stavo al posto di #MaxPezzali stasera era lo stesso” oppure “Cmq due inquadrature in più a qua pora stella de #maxpezzali no eh”.

Daniele Orlandi